Il processo di realizzazione del nuovo sito istituzionale della Regione Piemonte

 

di Stefano Moro

 

Il sito istituzionale della Regione Piemonte è stato completamente riprogettato nel 2019, dopo circa 20 anni, con due obiettivi principali: migliorare la reperibilità dei contenuti e far risparmiare l’Ente nella gestione.
L’occasione è stata colta per adottare le più recenti tecniche dell’UX Design, affrontando la complessità informativa e tecnologica del progetto in questo modo:

  • co-progettazione, insieme al committente, della corposa e articolata architettura dell’informazione, con l’obiettivo di riscrivere completamente i contenuti e quindi catalogarli in modo strutturato e coerente;
  • ideazione e progettazione dell’interazione attraverso tecniche di Design Thinking, con particolare attenzione alla fruizione dei contenuti sui dispositivi mobili;
  • realizzazione ex novo di un Design System essenziale, istituzionale ed al passo con i trend di web design;
  • riprogettazione dell’architettura tecnologica del sito, con adozione di un unico CMS (Content Management System) per tutta la parte comunicativa del portale, con conseguente spegnimento di circa 20 CMS precedentemente in uso.

Il tratto distintivo del progetto è stato però il forte coinvolgimento degli utenti, grazie alla realizzazione di test utente rivolti agli utilizzatori finali e interviste rivolte ai principali stakeholder. Tutti elementi che hanno costituito il punto di partenza della progettazione, insieme alle linee guida di AgID e alle indicazioni di Teamdigitale.

Grazie alla progettazione dell’architettura tecnologica e informativa è stato possibile organizzare un’articolata redazione distribuita all’interno dell’Ente, in grado di gestire in modo diffuso i contenuti e di dialogare con la Redazione centrale attraverso incontri periodici.

I due obiettivi iniziali, a distanza di 6 mesi dallo switch off, si possono dire raggiunti, se si pensa ai risparmi dei costi di manutenzione per i CMS spenti, all’azzeramento dei costi di inserimento dei contenuti da parte del CSI-Piemonte, grazie alla possibilità di internalizzare le attività di redazione, ma soprattutto se si guarda alle analytics dell’ultimo semestre. La frequenza rimbalzo è passata dal 56% al 38%, a testimonianza del fatto che oggi la gran parte degli utenti che atterrano sul sito istituzionale della Regione Piemonte non fuggono, anzi si fermano in media circa 3 minuti, contro i 2 minuti di prima.

Il grande lavoro sui contenuti, sulla progettazione dell’interazione e sul SEO (Search Engine Optimization) è servito a far trovare più facilmente i contenuti e a rendere migliore l’esperienza degli utenti.