Tipologia
Internazionale
Ricerca e sviluppo

FASTER

First responder Advanced technologies for Safe and efficienT Emergency Response
Programma
Finanziato dal programma Horizon 2020 dell'Unione Europea
Data inizio
Data fine

FASTER è un progetto europeo che vede la collaborazione tra enti di ricerca applicata, aziende e sistemi di protezione civile. Propone un nuovo approccio e nuovi strumenti tecnologici in caso di disastri. L’obiettivo è di migliorare l’efficacia della risposta dei sistemi di soccorso e garantire le condizioni di sicurezza degli operatori sul campo, attraverso l’uso di tecnologie all’avanguardia. Su tutte, applicazioni mobili, veicoli a guida autonoma, droni e blockchain.

In caso di catastrofi naturali, disastri tecnologici causati dall'uomo o attacchi terroristici, i soccorritori – Volontari di Protezione Civile, Forze dell’Ordine, artificieri, Vigili del Fuoco, unità antiterrorismo e operatori sanitari di emergenza - giocano un ruolo cruciale. Ecco alcuni esempi di soluzioni sviluppate dal progetto FASTER che potranno esser utili per supportarli:

  • strumenti per la creazione di report e la geolocalizzazione dei soccorritori sul terreno, sviluppati in ambiente Telegram
  • strumenti indossabili (wearables) di tipo smartwatch, per la ricezione e l’invio di segnalazioni
  • textiles – sensori da indossare, per il controllo in telemetria di parametri ambientali e biometrici dei soccorritori
  • soluzioni di interoperabilità e comunicazione tra sistemi informativi, per lo scambio di messaggi tra operatori
  • strumenti cartografici di visualizzazione dei dati relativi allo scenario emergenziale, in versione desktop e portatile
  • droni per il sorvolo delle aree, con trasmissione in tempo reale delle immagini acquisite ai centri di comando e alle sale operative di protezione civile attivate sul territorio.

Il Piemonte è una delle tre sedi dove verranno sperimentate le soluzioni FASTER, già a partire dalla prima esercitazione del 27 gennaio 2021. In quell’occasione si simulerà uno scenario alluvionale, del tutto simile a quello dell’esondazione del Chisola, che ha colpito Moncalieri nel 2016. Il CSI è coinvolto in tutte le attività ed è tra i 23 partner del progetto.

Argomenti
Protezione civile
Eccellenze e Temi strategici
Data strategy
GIS e cartografia
Ricerca e sviluppo